Territorial Web Marketing: how destinations are promoted on Facebook

27 04 2010

Alright, I don’t like too much Facebook. But it is true that is one of the most important vehicle of information and it’s easier to keep conversations on it than Twitter (not than FriendFeed, but is not so diffused). And so it’s easier to stimulate UGC among tourists and residents.

This morning I was watching different tourism organizations doing their “job” on Facebook: Wales (from Visit Wales), Spain (from Spain.info), Italia (perhaps from the tourism ministry, but absolutely not sure, there are no links what so ever) and Riviera delle Palme (from the Tourism promotion service of Savona). First difference that comes to the eye is the language: English for Wales (“of course!” somebody would say, but is not so obvious), English and Spanish for Spain (!), English and a bit of Italian for Italia, and just Italian for Riviera dell Palme that of course have a smaller organization, but not less important I would say. There’s not much Welsh in the Wales page, there’s a lot of Spanish but almost everything is in both languages in Spain and there’s not much English in the Italia page, where seems that the most important thing is to catch fans and post pictures. And here comes another difference, definitely more interesting: contents.

Wales and Spain try to communicate with their “fans” (tourists, residents, lovers) not just telling them how nice is the country or what to do, but trying to generate contributes: a two ways communication, where the tourism organization listens to the stake holders and share their contribution. I really like it. I can see a nice picture and think “oh, I really want to go there” just like we all  do when we see a travel agency window, or I can read  what people say and think “I really like people from that country” and there, I think, I will go. Residents are one of the attractive factors for a touristic destination. There can be lots of shows, events fairs, but people make of a destination attractive. On both pages most of the pictures are from other people who not just comment but mainly contribute.

Italia  has lots of pictures on its page, and as far as I’ve checked, there’s no request of pictures, news, “what to do” to the followers, just “please add us as fan, and share it with your friends!”, that sounds really “spammy”.

Riviera delle palme is a small reality. The area that it represents is small compared to the others. But still is an area that could generate good flows of tourists and has lost attractiveness with foreign tourism. So publishing in english could be a good thing and definitely needs to focus more on the communication among tourists, more than advertise a single event like a new web site or the participation to a tourism fair.

Last difference that I’d like to mention is the connection trough the Facebook page and who manage it: Wales posts many links to their VisitWales blog or a specific VisitWales web page. Spain mainly to their website. Riviera delle palme sends its visitors to friends website, most of them related to events. I couldn’t find any link in the Italia page.

Now: I know we have the most beautiful country in the world (as it’s written 10 thousands times in the Facebook page) but what if nobody comes to visit it?! Just repeating it doesn’t make attractive. Pictures are nice, but not lived. They don’t show how nice can be to spend some time in Italy. Who has done it can.

Concluding: I really like Visit Wales work (not a big news!). I do like how Spain approaches the tourism web marketing. Riviera delle Palme needs to improve, but seems on the good way. Italia needs to show first who manages the Facebook page, then we can say what could be done.

Advertisements




Territorial Marketing: Parpaiun.org

25 04 2010

A small skiing area, shared between a few small towns, close to Ligurian Sea but in Cuneo region, a development plan that could bring here investments and more tourists. An area that put as its point of strength the small dimensions, the contact between residents and tourists and the lower prices. An area that wants to grow remaining “natural” as it is, where the difference is made by the people who attends these towns and live them. S. Giacomo di Roburent is the biggest town of this area, but, as appointed by the guys of the Parpaiun Association is the Area their focus point, because a town alone is not enough: together is the power.

The Parpaiun Association is a nice case of how people who live or share interests in a certain area can help its growth using internet as a vehicle of information, helping building a sense of belonging through all the stake holders would they be residents, second houses owners or tourists. Throughout this sense they can stimulate information sharing and User Generates Contents, increasing the brand knowledge.

I’ve been in S. Giacomo di Roburent in March, there was still a lot of snow (even too much, we couldn’t ski!) and I had time to talk with some shop owners. They were quite upset about the weather because happened more than a few times in the season that was snowing during the week-end, when would have been better to snow in the middle of the week and then be sunny when tourists were coming. Well, everybody knows you can’t have always what you want, but you have to try to get the best out of what you have. You can’t control the weather and that’s what makes having a business in a skiing area a pure bet. You invest money but if for a couple of years the weather is not good enough you might get in trouble. And here comes the need of diversify the offer of a mountain area.

If during the winter you have skiing tourism, you have to find something else for the rest of the year: second houses for elderly could not be enough, considering the low propensity to consume of that segment. Trekking, horse riding, mountain biking and all sorts of natural sports and leisure for families with kids and people of 30-40 year olds.

The Parpaiun Association could help this keeping the same effort they are doing during winter for the summer. Even more, considering how attractive is the winter for skiing compared to the summer. And, who knows, perhaps one day the summer will become the touristic pick of the year.





Wales Watersports: stimulation of the web 2.0 for tourism

17 11 2009

A small example of how Social Network interaction works and could produce good results for your business or your business area.
I received an e-mail telling me that Wales Watersports was following me on Twitter. All right, let’s see what kind of things does Wales watersport I said to my self: I check their twitter account and I see that they are looking for bloggers. Sorry? Looking for bloggers? Why is that? Ok, let’s check on their website. Mmmhh, is a website for the promotion of watersports and marine leisure tourism in Wales, and the company Wales Watersport International Ltd is appointed by Visit Wales (official website and a previous post) as its official marketing and promotional partner for the watersports and marine leisure tourism sector in Wales. They have a blog (still not very attractive, but I think they’re working on it: change the address –http://waleswatersports.blogspot.com/ – might be a good fist step) and a twitter account and what they’re doing is just look for people that want to share their experience so to create good content on the blog and (generally speaking) on the web. Good web responses, a good presence of an area and the activities offered can stimulate the demand and the touristic flow, operating at first on the brand knowledge (a problem for Wales as I’ve seen in my year here). That’s why actions to reduce the digital divide, to help people use internet and the social network to share their experience on the web are very important. The word of mouth power can be increased at the nth degree (Visit Wales understood that when they’ve opened Wales1000things, about three years ago).




Visit Wales and web 2.0: a public office working on Social Networks

10 11 2009

On Monday the 2nd of November I’ve been to the Third Tourism Summit, organized by the Wales Tourism Alliance. The summit was interesting for many different reasons, but I went there mainly because of the presence of the Visit Wales Digital Marketing Team. I followed from the beginning the experience of VisitBritain (here, in Italian) because it was a nice case of touristic promotion made by a government agency (considering how many problems Italy had with Italia.it), so I took the chance to see who’s behind Visit Wales, how they work and what they do. (here the explanation of what is Visit Wales in relation to the Welsh Assembly Government)

A big difference between VW ad VB is the domain .com. VW has changed his very first page in January 2009 to increase the usability and the content flexibility:
  • In VW.com the touristic offer is segmented in order to orientate the visitor to what he’s looking for: golf, walking, fishing, business, and the generic domain .co.uk. There is a section where people can choose the different languages (I might be offended because Italian is not present!) and great attention is paid to the social networks with links to the facebook, twitter and you tube accounts, even if there are no sharing links in the web-site contents;
  • In VB.com the page shows many countries’ flags re-directing the visitors to their language web-sites.
The first thing that impressed me when I’ve seen it was the simplicity, but is a shame that the same template is not available for the other languages. Perhaps this is because the best part of welsh tourism is from other UK countries (Usa and Canada as well I guess, considering the accurancy of the dedicated web sites). Apart from the German web site all the others are less attractive and structured. Wouldn’t be better to consider also other markets where the potential demand is high? As well the sentence in the middle of the page “For those looking for holidays in Britain, Wales has so much to offersuggests the subordination of the Welsh tourism to the British one.

Answering to the questions I wrote before, behind VW there are three functional departments, one of which includes the Digital Marketing Team. Lead by John Munro and Bethan Richards the orientation to the web2.0 is very high: a Facebook page with more than 47 thousands fans, a Twitter account with more than 15 hundreds followers, and a blog with topics about the holidays. Very important is the attention paid to the network they built: answers to the Twitter followers including documents from summits so to keep the customer loyalty and the web response high, increasing the brand awareness.
In the era of Social Networks the “word of mouth” communication has become “share” (just as the links you can find everywhere to post on FB, twitter, diggs, ect…) being there is important but much more important is to take part.. or share!
(more information on the digital team business framework, the action carried out by VW against the digital divide in the tourism promotion will follow soon)




Da Paestum a Napoli: viaggio su una delle coste più belle d’Italia.

7 05 2008
Eccomi tornato dal viaggio in Campania, del quale parlavo nel post precedente. Matrimonio bellissimo: erano 9 anni che no ci trovavamo tutti i cugini contemporaneamente! Un’emozione indescrivibile.
Arrivati a Capodichino in perfetto orario (8.15) ci siamo immersi nel traffico metropolitano per andare a fare colazione, accompagnati da mio zio (Porticese doc). Dopo una breve incomprensione sulla differenza tra brioches (cheste da mia sorella) e cornetti (il barista non aveva brioches, ma solo cornetti… aspetto che qualcuno mi spieghi la differenza!) ed aver bevuto un ottimo caffè, abbiamo fatto un giro per il centro di Portici, dove tutti i giorni si può trovare un bel mercatino (sono direttamente i negozianti che espongono la merce al di fuori dei prorpi negozi), ma che l lunedì è un po’ vuoto. Magnifico incontro con un disoccupato che si offriva di lanciarti addosso del sale fino per scacciarti via il malocchio, e via si ricomincia a mangiare: pane rustico (detto anche Casatiello nella sua versione più completa) e sfogliatelle!
Finito il tour partiamo per Salerno, stando ben attenti agli innumerevoli autovelox lungo l’autostrada, oltretutto con vari restringimenti per lavori in corso (meglio ora che durante la stagione estiva!). Arrivati circa sopra Vietri sul Mare ci fermiamo in una delle tante minuscole (colpa dell’orografia) piazzole di sosta munite di tavoli e panche in ceramica lavorata (una delle produzioni locali di maggior interesse e valenza), da dove possiamo ammirare la costiera sottostante, il mare ed il porto di Salerno (comunque non una brutta vista!). Siamo arrivati a destinazione senza troppi problemi, abbiamo pranzato (bocconcini di bufala di Battipaglia.. SLURP!, con salumi vari) e abbiamo dedicato il pomeriggio alle ultime compere per il matrimonio e alle varie preparazioni. La sera siamo andati a Salerno ed ho avuto la conferma di quello che pensavo: il primo prodotto, il più importante, che fa di una città una meta turistica, è la popolazione residente. Lunedì notte, Salerno è una città viva, piena di giovani per le strade e nei bar, una città che ha voglia di e di farsi vivere.
Il giorno del matrimonio è filato via tranquillo: ritardo di mezz’ora della sposa per traffico (lei arrivava da Napoli e noi eravamo a Faiano, poco a sud di Salerno), mega lancio di riso (ho provato a fermare un po’ di gente dicendo che c’è in atto una crisi per la produzione di riso, ma non c’è stato nulla da fare.. le tradizioni non si cambiano) e partenza per Paestum, presso l’Hotel Ariston, un magnifico hotel con un numero considerevole di ale riunioni che si tasformano in sale ristorante, ognuna attrezzata di un pianorte a coda, un bel dehor con piscina dove prendere l’aperitivo, campi da calcetto e da tennis, centro benessere all’intero.. insomma un gran bell’hotel (non costato nemmeno tanto, ovviamente perchè il matrimonio era di martedì, cosa che ha portato ad un risparmio del 30% circa, alla faccia dello Yield Management).
Abbiamo iniziato il pranzo alle 16 e abbiamo terminato circa alle 21, nemmeno troppo a dire il vero. Una volta mandati a casa gli anziani siamo andati a fare un giro turistico ad Agropoli: Bellissima. Ero abituato a vederla d’estate, quando per muoverti per il centro cittadino devi scavare tra la folla, ma anche adesso che era vuota siamo saliti fino al castello nella zona vecchia, da dove si può ammirare il porto sottostante, e la bellezza è veramente indescrivibile.
Sulla strada del ritorno, purtroppo il primo avvistamento negativo. Mentre infatti Bellizzi, Pugliano e gli altri comuni dove eravamo passati erano non puliti, SPLENDENTI, lungo la statale da Paestum a Battipaglia ogni 500 metri c’era una piazzola con un bidone dell’immondizia (indifferenziato) attorno al quale si potevano ammirare numerosi sacchetti pieni di immondizia accatastati. Probabilmente si fosse trattato solo di un paio di bidoni non ci avrei fatto nemmeno caso, anche perchè non c’erano realmente così tanti sacchetti, si sarebbe potuto trattare anche solo di un mancato passaggio del camion. Ma di bidoni uno dopo l’altro io ne ho contati più di dieci, quindi…(foto). Ribadisco che comunque è l’unico neo della giornata e non basta a rovinare il ricordo di quei posti magnifici.

Il mattino seguente di buon’ora (comprenderete che eravamo stanchi del giorno prima, quindi alnche le 10.30 erano buon’ora!) siamo partiti per la Costiera Amalfitana, saltando però Vietri sul Mare (che, seppur bellissima, avevamo già visto dall’alto in autostrada) ci siamo fermati a Cetara, piccolo borgo marinaro, con dei bellissimi scorci (e un parcheggio sul mare MOLTO CARO, e pensavo di essere io il Ligure!). La sosta è stata breve e abbiamo proseguito il viaggio sotto un sole cocente, incrociando molte moto straniere (io avrei paura, vista la strada a picco sul mare!). La sosta successiva è stata in una piazzola di sosta dove si ammiravano delle picole calette sottostanti che ti facevano desiderare di tuffarti in acqua nonostante l’altezza (circa 30 metri). Tutta la strada costiera è piena di piazzole di sosta dove i turisti possono fermarsi per ammirare il paesaggio.

9costiera
Pur essendo l’idea valida si presentano alcuni problemi:

  1. venendo dalla parte opposta è molto pericoloso entrare nelle piazzole (non ci sono rettilinei!);
  2. le piazzole non sono attrezzate nè di tavoli o sedie (come invece erano quelle ben più piccole in autostrada), nè tantomeno di toilette con il risultato che si può immaginare (odore sgradevole, soprattutto con il caldo estivo);
  3. assenza di manutenzione delle aree di sosta, con presenza di capannoni arrugginiti per lo stoccaggio delle attrezzature per la manutenzione della strada (foto).
Dopo la piazzola ci siamo fermati a Maiori, un comune un po’ più grande degli altri, dove ci siamo rifocillati presso un alimentari (foto) nascosto all’interno del paese, ma con una grande varietà di prodotti tipici offerti (sott’oli, mozzarelle, insaccati, torte salate), che ti venivano preparati pronti per essere consumati. Qui ho visto un buon modo di fare commercio per il turismo: il proprietario ti elenca tutto quello che ha, osservandoti bene in viso per notare le tue espressioni e ti consiglia su cosa mangiare, dopo che hai scelto continua a chiederti se gradisci un pezzo della torta di grano della moglie, se la vuoi assaggiare.. insomma prova a vendere, ma sempre con il sorriso! Il conto non è stato particolarmente salato (5,40€ panini con caciottina fresca, crudo di Parma, melanzano e funghetti sott’olio), ma secondo i loro conterranei (i miei cugini) hanno calcato un po’ la mano per aver sentito l’accento.. sarà, secondo me li valeva tutti!
Bellissima a Maiori la spiaggia nera, oltre che il paesaggio circostante, ovviamente!

10amalfi 8maiori

Dopo Maiori si riparte per Amafi. L’ex Repubblica Marinara colpisce per la sua animosità e la bellezza dei suoi monumenti, tra i quali il duomo (ingresso €2,50)

5amalfi 4amalfi 3amalfi

Fatta sosta, preso il caffè, comprati alcuni limoni (grossi quanto una palla da rugby), pagato il parcheggio (caro come in tutti i paesi della costiera) si riparte destinazione Positano.2costiera Dopo molte curve arriviamo, parcheggiamo nel primo parcheggio a pagamento (molto in alto) ed iniziamo la discesa al paese.

1positano

Molto bello il vicolo pieno di negozi, soprattutto di prodotti a base di limoni e di prodotti di moda (Modamare a Positano).

Dopo l’estenuante salita per ritornare alla macchina siamo ripartiti alla vlta di Napoli: abbiamo saltato sorrento sia perchè oramai stava facendo buio, sia perchè avevamo appuntamento a Napoli con un nostro cugino. Essendo un prefestivo c’erano parecchie macchine in giro anche di notte, con evidente difficoltà a trovare parcheggio vicino a Castel dell’Ovo (ma ci sono abituato a passare il tempo cercando parcheggio, in Liguria è una cosa normale fare 4 o 5 volte lo stesso giro prima di riuscire a parcheggiare). Non che lo avessimo trovato regolare alla fine.. abbiamo parcheggiato in evidente divieto dietro una fila interminabile di macchine, pagando anche il parcheggiatore abusivo, con evidente sdegno del cugino napoletano (l’unico ad aver trovato parcheggio regolare su 4 macchine che eravamo): ovviamente sosteneva che è inutile voler combattere i comportamenti negativi delle persone se poi alla prima occasione siamo noi a commettere infrazioni. Sicuramente abbiamo favorito i parcheggiatori abusivi. MEA CULPA!

La pizza che abbiamo mangiato non era male, ma sicuramente a Napoli si può trovare di meglio, pagando sicuramente di meno (5 euro una margherita più il 12% di servizio, oltre al coperto!), ma ovviamente non in quella posizione (direttamente sul mare). Dopo la pizza passegiata attorno a Castel dell’Ovo, caffè e dolce in un grande bar sulla Via Marina strapieno di gente, aperto tutta la notte (il bello delle gradi città!), dopodichè ritorno a casa.

La mattina successiva purtroppo è stata quella che ha visto il rifarsi della valigia e la partenza per Napoli Capodichino, dove (con più di un’ora di ritardo) abbiamo preso l’aereo (Alitalia) per Torino. Il viaggio di ritorno è stato il primo dove non sull’aereo non c’era nemmemo una hostess, ma solo stewart: deprimente.. si sa che una bella donna tira sempre su il morale!

Arrivati a Torino c’era il furgoncino di ParkinGo che ci aspettava per riportarci alla macchina. Dunque abbiamo proceduto con le conclusioni del viaggio:

  • bellissimo il matrimonio soprattutto in un albergo così bello;
  • bellissima e suggestiva Agropoli, anche di notte;
  • incantevole la Costiera Amalfitana, anche se la strada non è propriamente attrezzata per il moto e auto turismo;
  • per niente sporca Napoli, forse perchè siamo rimasti in zone turistiche, ma non si sentiva assolutamente la situazione incresciosa di cui tutti i media parlano;
  • alcuni comuni dovrebbero imparare dai vicini (soprattutto in provincia di Salerno) su come si gestiscono i rifiuti: complimenti a Bellizzi per quello che ha fatto, e per come cerca di coinvolgere la popolazione nelle sue decisioni. Mi è sembrato, passeggiando per il comune e facendo qualche chiacchiera con i commercianti che ci fosse un elevato grado di partecipazione della popolazione alle decisioni pubbliche: primo fra tutti lo sviluppo che potrebbe derivare dal nuovo scalo aeroportuale di Pontecagnano (SA).

E su questo punto rimando al prossimo post.