Different approaches to web marketing: visiting York

28 09 2010

This summer we went to York for two days (one night). Looking for a nice but cheap accommodation in the city centre we found a nice Hostel – The Fort Boutique. It was open from just three weeks, but there was a good amount of information on the web: facebook, twitter and a blog. It had especially a good rating on hostelworld and travellerspoint with many reviews. They’ve started their web marketing before it was open, starting from Twitter and Facebook accounts and posting pictures of the work in progress.
IMG_3154
When we arrived we had to go at Kennedy’s bar, just beside the Hostel, to check in and drop the baggage (only a small one, but still..). The Hostel was very nice, still with some works on the way to be finished, but the welcome was warm from the Duty Manager, the cleanliness was perfect, the environment gave an idea of youngness and we were very happy. Until the night (!). The problem wasn’t what we were expecting (noise coming from the road –  as other comments reported online), but the bathroom in the room didn’t have a door (yet) but only a curtain and the fan in it was on for 1 hour after you’d switched off the light. Of course the first thing we thought was that, being the room an “artistic room” probably the artist arranged the toilet to be like that. But that wouldn’t explain how I could have scratched my hand on a sharp tile by the door frame. So definitely a door was in plan to be put there. Too much hurry in opening before the York Races going on that very week-end and the Hostel wasn’t finished.

Definitely the web marketing strategy the Hostel had was paying back. It was fully booked and had (and has) an excellent rating online. The blog is updated at least once a month (answering customer questions and complaints) and the facebook page at least every ten days (not much though).

To find something to eat for dinner that night hasn’t been very easy. Every nice restaurant we had advised on the guide (and checked online) was fully booked or with a table at 6 pm (too early for us) or by the toilet door (not a very nice place where to eat: I wonder why you place a table there!). But, while walking in the city center, we came across a nice looking restaurant Kuja Lounge. It didn’t look expensive and seemed to have a nice choice on the evening menu.

Problem: we couldn’t find any information about it online. Not even the official website was  coming up on Google.  Time was running low (around 5 pm – late to book a table in UK) so we decided to take the chance and book a table for two at 8.30. When the owner (or the manager, I don’t know) opened the restaurant diary it was pretty much empty. We were scared for sure. If a restaurant is good, in a week-end where York has about half a million visitors you expect it to be full. But we were wrong.

Kuja Lounge is a very nice restaurant where very good food is served and attention to details and to the customer are given. There were about 8 tables in when we arrived including a table of 10 people (noisy) and there were 1 bar tender and 3 waiting on staffs. We had to wait some minute before they could have taken the order but the waitresses were always kind and apologizing for the delay. Water came even before we could have ordered it, just to give us something for the waiting time (10-15 minutes… nothing!). We really enjoyed the evening.

IMG_3416

Kuja doesn’t have a web marketing strategy and we decided to go there only because more popular restaurants (online and on the touristic guide) were too busy. It definitely has a good product and is in a very central position (even if a bit hidden). But its positioning online is poor and that affects the business. In the long-term I’m sure that the word of mouth will do. But how many customers has it lost during the years that it will take? When we went to Kuja it was open from just 3 months. But the hostel web strategy proved us that the customer relation is built even before you open.





Territorial Web Marketing: how destinations are promoted on Facebook

27 04 2010

Alright, I don’t like too much Facebook. But it is true that is one of the most important vehicle of information and it’s easier to keep conversations on it than Twitter (not than FriendFeed, but is not so diffused). And so it’s easier to stimulate UGC among tourists and residents.

This morning I was watching different tourism organizations doing their “job” on Facebook: Wales (from Visit Wales), Spain (from Spain.info), Italia (perhaps from the tourism ministry, but absolutely not sure, there are no links what so ever) and Riviera delle Palme (from the Tourism promotion service of Savona). First difference that comes to the eye is the language: English for Wales (“of course!” somebody would say, but is not so obvious), English and Spanish for Spain (!), English and a bit of Italian for Italia, and just Italian for Riviera dell Palme that of course have a smaller organization, but not less important I would say. There’s not much Welsh in the Wales page, there’s a lot of Spanish but almost everything is in both languages in Spain and there’s not much English in the Italia page, where seems that the most important thing is to catch fans and post pictures. And here comes another difference, definitely more interesting: contents.

Wales and Spain try to communicate with their “fans” (tourists, residents, lovers) not just telling them how nice is the country or what to do, but trying to generate contributes: a two ways communication, where the tourism organization listens to the stake holders and share their contribution. I really like it. I can see a nice picture and think “oh, I really want to go there” just like we all  do when we see a travel agency window, or I can read  what people say and think “I really like people from that country” and there, I think, I will go. Residents are one of the attractive factors for a touristic destination. There can be lots of shows, events fairs, but people make of a destination attractive. On both pages most of the pictures are from other people who not just comment but mainly contribute.

Italia  has lots of pictures on its page, and as far as I’ve checked, there’s no request of pictures, news, “what to do” to the followers, just “please add us as fan, and share it with your friends!”, that sounds really “spammy”.

Riviera delle palme is a small reality. The area that it represents is small compared to the others. But still is an area that could generate good flows of tourists and has lost attractiveness with foreign tourism. So publishing in english could be a good thing and definitely needs to focus more on the communication among tourists, more than advertise a single event like a new web site or the participation to a tourism fair.

Last difference that I’d like to mention is the connection trough the Facebook page and who manage it: Wales posts many links to their VisitWales blog or a specific VisitWales web page. Spain mainly to their website. Riviera delle palme sends its visitors to friends website, most of them related to events. I couldn’t find any link in the Italia page.

Now: I know we have the most beautiful country in the world (as it’s written 10 thousands times in the Facebook page) but what if nobody comes to visit it?! Just repeating it doesn’t make attractive. Pictures are nice, but not lived. They don’t show how nice can be to spend some time in Italy. Who has done it can.

Concluding: I really like Visit Wales work (not a big news!). I do like how Spain approaches the tourism web marketing. Riviera delle Palme needs to improve, but seems on the good way. Italia needs to show first who manages the Facebook page, then we can say what could be done.





Territorial Marketing: Parpaiun.org

25 04 2010

A small skiing area, shared between a few small towns, close to Ligurian Sea but in Cuneo region, a development plan that could bring here investments and more tourists. An area that put as its point of strength the small dimensions, the contact between residents and tourists and the lower prices. An area that wants to grow remaining “natural” as it is, where the difference is made by the people who attends these towns and live them. S. Giacomo di Roburent is the biggest town of this area, but, as appointed by the guys of the Parpaiun Association is the Area their focus point, because a town alone is not enough: together is the power.

The Parpaiun Association is a nice case of how people who live or share interests in a certain area can help its growth using internet as a vehicle of information, helping building a sense of belonging through all the stake holders would they be residents, second houses owners or tourists. Throughout this sense they can stimulate information sharing and User Generates Contents, increasing the brand knowledge.

I’ve been in S. Giacomo di Roburent in March, there was still a lot of snow (even too much, we couldn’t ski!) and I had time to talk with some shop owners. They were quite upset about the weather because happened more than a few times in the season that was snowing during the week-end, when would have been better to snow in the middle of the week and then be sunny when tourists were coming. Well, everybody knows you can’t have always what you want, but you have to try to get the best out of what you have. You can’t control the weather and that’s what makes having a business in a skiing area a pure bet. You invest money but if for a couple of years the weather is not good enough you might get in trouble. And here comes the need of diversify the offer of a mountain area.

If during the winter you have skiing tourism, you have to find something else for the rest of the year: second houses for elderly could not be enough, considering the low propensity to consume of that segment. Trekking, horse riding, mountain biking and all sorts of natural sports and leisure for families with kids and people of 30-40 year olds.

The Parpaiun Association could help this keeping the same effort they are doing during winter for the summer. Even more, considering how attractive is the winter for skiing compared to the summer. And, who knows, perhaps one day the summer will become the touristic pick of the year.





Turismo e web: esperienza diretta in Wales

17 10 2009

Quando sono venuto a lavorare nel Regno Unito pensavo di lasciare un mondo (quello Italiano e Ligure nel particolare) arretrato in termini di relazioni tra turismo e web. Molte aziende turistiche, hotel in particolare, in Italia (e in Liguria, almeno per esperienza diretta) considerano ancora il web come un luogo dove essere presenti senza considerare però come essere presenti. Si limitano a costruire siti web qualcuno più carino con tanta animazione flash, altri meno carini, statici. Trovare un hotel che utilizzi i principi del web 2.0, che investa in questa direzione era, ahimé, cosa dura.

La cosa non è cambiata molto, nonostante sia ora in una nazione molto più aperta al web.
L’hotel per il quale lavoro è di proprietà di una famiglia, ma con una conduzione manageriale: i membri della famiglia sono nel consiglio di amministrazione, qualcuno di loro lavora nell’hotel come manager, ma per il resto tutto è mosso da un general manager esterno alla famiglia. La struttura organizzativa non differisce quindi molto da quella degli hotel che ho avuto modo di conoscere in Liguria (a parte per il modo di prendere decisioni, molto più aperto alla collaborazione di tutti i manager, rispetto ad un sistema unidirezionale come nella maggior parte delle azienda familiari italiane).
Ma parlare di web 2.0, di UGC, di social network è visto come uno spreco di tempo e risorse.
Ho trovato dei commenti online sull’hotel su siti di intermediari puri (non infomediari) e ho scoperto che né il general manager, né la responsabile del marketing (componente della famiglia) ne erano a conoscenza. Ma com’è possibile?
Una delle cose assurde è che perfino i membri della famiglia (per lo meno quelli che lavorano nell’hotel) hanno un account facebook, ma per loro il concetto di social network si ferma lì. Non ci sono link sul sito a nessun network di commenti di turisti, né delicious, né tripwolf, nessuno dei travel social network che potrebbero aiutare il turista (sia esso leisure o business) nella sua scelta (ovviamente avvicinandolo alla nostra struttura).
Da notare che questo hotel è anche l’unico 4 stelle della contea, una contea con un tasso di crescita economica tra i più elevati (almeno prima della crisi economica).
Percepire il web 2.0 come un rischio è stupido. Non collegando il sito a contenuti generati dall’utente non vuol dire che i contenuti non ci siano o non siano comunque facilmente raggiungibili. Il turista si informa prima di effettuare la sua scelta, anche se si tratta di una sola notte. Maggiore è la facilità a trovare commenti e maggiore sarà la propensione all’acquisto. I commenti on line devono essere gestiti come lo sono i commenti lasciati direttamente in hotel: uno spunto per migliorarsi e per stringere una maggiore relazione con il cliente. Molte aziende vorrebbero gestire il CRM in casa, di nascosto, senza considerare che ciò non è più possibile. Bisogna imparare a gestire la propria immagine usando la trasparenza.
Una delle paure maggiori è che i commenti possano essere generati da concorrenti con l’intenzione di rovinare il nome dell’azienda. E’ vero, potrebbe capitare. Ma non utilizzare i commenti come strumento di marketing non vuol dire far sparire i commenti, quelli continueranno ad esserci. Se ciò che fai lo fai bene, offri un servizio adeguato al prezzo richiesto e cerchi sempre di migliorarti, allora non c’è motivo di essere spaventati: aiutando i clienti soddisfatti a rilasciare commenti si controbilanceranno i commenti negativi, falsi o veri che siano (infondo ci sarà sempre qualcuno insoddisfatto, l’obiettivo è minimizzarne il numero).





web marketing alla francese

25 02 2009

Dal corriere: “La città di Eu pensa di cambiare il nome Su Internet nessuno la trova. I motori di ricerca elencano decine di pagine che fanno riferimento all’Unione europea.”
Cambiare il campanilismo Francese è impresa ardua, ma se davvero la motivazione è prettamente il web marketing, allora tanto di cappello e in bocca al lupo!!!





Italia.it o no? L’esperienza Britannica di Visitbritain

19 02 2009

Leggevo su Roberta Milano della domanda continua sulla necessità o meno del portale turistico Italiano. Roberta sostiene che effettivamente ci sia uno spreco di risorse (finanziarie in primis) nel promuovere ogni regione singolarmente, oltre che uno spreco di “informazioni”: dire Italia o dire Liguria, all’estero, è molto diverso.
Qualche tempo fa avevo parlato del portale di promozione turistica Britannico (visitbritain), dei suoi pregi e dei suoi difetti (qui invece qualche vecchio post su Italia.it). Non avevo notato al tempo, anche perchè non conoscevo la realtà britannica, della forte differenza tra le macro regioni al suo interno (wales, england, scotland e north Ireland), della concorrenza che si fanno (anche sul piano turistico) e delle rivalità che pervadono i loro rapporti (soprattutto nei confronti degli Inglesi).
Ovviamente su Visitbritain una grande visibilità è lasciata alla capitale Londra, penso soprattutto per il numero di visite annue che registra (e che registrerà quest’anno, grazie soprattutto allo scarso valore della sterlina: bell’anno per decidere di andare a lavorare in Wales!!), ma non è “Londoncentrico” come la Francia per Parigi.
Sul portale, dove la mainpage è molto corta per non essere dispersiva ma sufficientemente piena delle informazioni per una ricerca approfondita, ci sono anche i link ai portali delle 4 macroregioni più “il meglio di Londra”, lo” Yorkshire” e “visit london” (anche qui una predominanza.. continuo a sperare non casuale).
Le pagine delle varie aree sono costruite con la stessa architettura, per non disorientare il turista che cerca informazioni e per uniformità dell’offerta.
Girando su VisitWales ho trovato anche una sezione dedicata ai professionisti del turismo dove frequentare un corso online sul Wales, per imparare a venderlo ai propri clienti (io inizio a frequentarlo, tra l’altro essendo sul campo..).
Tirando le somme, ritengo nuovamente utile prendere VisitBritain come punto di riferimento per la piattaforma di Italia.it: l’autonomia delle varie regioni è garantita, pur in un’ottica di promozione unificata con un’occhio al mercato (Londra è e rimane, una delle maggiori attrazioni del Regno Unito, pur con l’HomeComing Scotland 2009…).





MotoTurismo: Liguria da esplorare

11 07 2008
L’ultima gita fatta in moto (l’ultima per la mia povera piccina picchiata dura da un Cayenne) è del 28 giugno. Appuntamento nella prima piazzola di sosta autostradale dopo il casello di Savona sull’A10, direzione Ventimiglia, “On The Run”, alle 14.30 si punta verso l’uscita di Arma di Taggia. Il sole picchiava parecchio ed i motori si scaldavano facilmente, per non parlare delle gomme che quindi davano il massimo. Ad Arma puntiamo verso i monti, in direzione Badalucco, lungo una strada non pulitissima nè molto larga, ma piacevole da fare a velocità moderata per i continui cambi di direzione, seguendo l’andamento del torrente Argentina. Oltrepassato Badalucco, si punto per Triora, il paese delle streghe. La strada sale in su fino a mostrare tutta la valle sottostante, uno scenario difficile da dimenticare.
A Triora sosta in un bar per ristorarsi e reintegrare liquidi (che sudata).
Foto0024 Foto0018
Fatta qualche foto alle moto si parte seguendo direzione Monesi (24km indicati).
Dopo qualche chilometro di curve strette in salita l’asfalto si ferma per lasciar posto ad un leggero sterrato. Per niente intimoriti abbiamo proseguito la nostra salita in piedi sulle pedaline, spostando il peso da una parte all’altra, passando da quello sterratino leggero ad una strada fatta di massi, stando ben attenti alle pietre più appuntite che ti costringevano a passare a ridosso del precipizio. CHE ADRENALINA! Altra sosta, altre foto.

Foto0030 Foto0031

Il morale alto, nonostante non avessimo idea di quanto sarebbe durato lo sterrato, né fin dove ci avrebbe portato la strada. Ma poco importava: se ce l’avessimo fatta nulla più ci avrebbe fermato. Ed il paesaggio che avevamo di fronte era davvero impagabile. Si udivano le aquile, si vedevano i pettirossi, sotto di noi la valle mostrava le sue bellezze. Arrivati in vetta, un tunnel che consentiva di passare dalla Valle Argentina al Colle di Nava. Foto d’obbligo: quota 1.795 metri s.l.m.

Foto0033

Inizia la discesa (non troppo facile per il cambio di fondo stradale, diventato ghiaioso) e dopo pochi chilometri ecco l’atteso asfalto. Sosta sul Colle di San Bartolomeo per un caffè e bicchiere d’acqua e discesa fino a Nava. Gambe stremate, ma cuori pieni, abbiamo puntato verso Ormea-Garessio. Da lì a Ceva, ma oramai il più era stato fatto. La strada è per lo più rettilinea e larga (grazie a dio.. non so se le mie gambe avrebbero retto altre curve!) e per rivedere un po’ di curve bisogna aspettare la salita per Montezemolo e la discesa verso Carcare. Cadibona in discesa.. e giro terminato!

Alcune considerazioni: bellissimo lo scenario, la strada che abbiamo fatto fa parte dell’Alta Via dei Monti Liguri, ricca infatti di segnaletica per escursionisti. Abbiamo ad un certo punto avuto paura che fosse vietata alle moto, invece così non era, essendo segnata come strada percorribile (ed essendo ben visibili segni di pneumatici di fuoristrada); incredibile che non fosse scritto da nessuna parte che il tratto Triora-Monesi fosse per la maggior parte in sterrato, nè sulle cartine, nè nelle indicazioni stradali; da migliorare la segnaletica lungo il percorso dell’AV. Non si capiva minimamente di dove ci sitrovasse. le cartine presenti lungo il tragitto raffiguravano soltanto le vette circostanti, senza indicare, dunque, la strada intrapresa dove portasse al di fuori dell’AV. Troppo facile perdersi! (e che a noi capita spessissimo!)